domenica 27 marzo 2022

AURELIANO BARNABA con il DIARIO HERMADA A GEOGRAFIE A MONFALCONE

 
















"Ritrovamenti Monetali e Mitraismo nel mondo romano"

                     

 

COMUNICATO STAMPA

 

Il Lions Club Duino Aurisina e Duino&book  promuovono un 𝗖𝗼𝗻𝘃𝗲𝗴𝗻𝗼 sul tema “Ritrovamenti monetali e Mitraismo nel mondo romano” che si terrà venerdì 25 marzo 2022 all’Università degli Studi di Trieste presso il Dipartimento di Studi Umanistici (DiSU) di via del Lazzaretto Vecchio, 8 (Aula 6) a Trieste in collaborazione con il DISU - Dipartimento Studi Umanistici Units dell’Università degli Studi di Trieste.

Tra i relatori, il Soprintendente ABAP FVG, dott.ssa Simonetta Bonomi, che terrà nel pomeriggio l’intervento “Il Mitreo di Camporosso in Val Canale: una rivisitazione”.

La dott.ssa Paola Ventura, funzionario archeologo SABAP FVG, presenterà invece Il Mitreo di Duino Aurisina (TS), attraverso confronti con le altre attestazioni archeologiche in Friuli Venezia Giulia.

L’iniziativa rientra nell’ambito della 9.a edizione di Duino&book storie d'Europa tra pietre angeli e vini promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis con il sostegno della Regione Autonoma FVG.

Importante Partner del progetto è la Soprintendenza, presente con la dott.ssa Simonetta Bonomi e l’Arch. Paola Ventura. "Con il Comitato scientifico del Gruppo Ermada Flavio Vidonis - ha commentato il Presidente del Gruppo Ermada Flavio Vidonis, Massimo Romita - nella stesura del progetto abbiamo voluto fortemente la presenza di temi rivolti a luoghi del nostro territorio e il Mitreo e il Mitreismo rappresenta uno dei suoi simboli, sia per Duino Aurisina che per tutta la regione”.

“Da sottolineare infine la presenza di numerosi docenti di Università italiane coordinate dal Prof. Bruno Callegher (Professore ordinario di Numismatica e Storia della Moneta del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Univ in Beni archeologici”.

Le interviste ai protagonisti del Convegno corredate dalle immagini del Mitreo verranno trasmesse sui canali di Duino&Book il 13 maggio alle ore 18.00 in una delle venti puntate dedicate alle “Storie di Pietre” realizzate in collaborazione con Le Vie delle Foto di Linda Simeone dal titolo “Storie di Pietre - Il Mitraismo e la Numismatica nel Mondo Romano”. 

Il Convegno del 25 marzo prevede un contributo in memoria della madre della Presidente del Lions Club Duino Aurisina, la Dott.ssa Gabriella Pross Gabrielli che dedicò una parte importante della sua vita agli studi sul Mitreo.

“Mia madre – ricorda Donatella Pross – aveva compiuto importanti studi sul Mitreo, confluiti nella pubblicazione del volume "Il tempietto ipogeo del Dio Mitra al Timavo" (Edizioni Luglio), ristampato due anni fa a cura della Pro Loco Mitreo e presentato il 13 novembre 2021 a Portopiccolo nell’ambito delle iniziative di Duino&Book”.

La pubblicazione può essere richiesta inviando una mail a prolocoaurisina@libero.it.


“Come presidente del Lions Duino Aurisina – prosegue Pross - ho pensato di istituire un premio a favore di uno studente che realizzasse una tesi sul Mitreo, ma poi, su suggerimento del Prof. Callegher, abbiamo deciso di dedicare all’interessante argomento una giornata di studi che si traduce nel convegno del 25 marzo prossimo”. “In questo contesto – conclude Pross – effettuerò un intervento sui Primi studi del Mitreo di Duino tra memoria e archeologia in onore di mia madre, Gabriella Pross Gabrielli, ricordando lo studio sul Mitreo da lei compiuto”.

 

 

 

 

 

IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Università degli Studi di Trieste

Dipartimento di Studi Umanistici (DiSU)

Trieste – Via del Lazzaretto Vecchio 8, Aula 6

 

RITROVAMENTI MONETALI E MITRAISMO NEL MONDO ROMANO

 

Mattina (ore 10:00)

 

Elisabetta Vezzosi (Direttrice Dipartimento di Studi Umanistici)

Saluti istituzionali e benvenuto

 

Francesca Romana Stasolla (Sapienza Università di Roma)

Introduzione

 

Andrea Gariboldi (Università degli Studi di Trieste)

Mitra su monete romane e iraniche

 

Max Victor David (Sapienza Università di Roma)

Verso una periodizzazione del Mitraismo romano

 

Stefano De Togni (Sapienza Università di Roma)

Le monete nello scavo archeologico dei Mitrei

 

Alessandro Melega (Alma Mater Studiorum – Università di Bologna)

Monete e Mitrei a Ostia antica

 

Discussione

 

Pomeriggio (ore 15:00)

 

Donatella Pross (Lions Club Duino Aurisina)

Gabriella Pross Gabrielli: ricordo dei primi studi del Mitreo di Duino tra memoria e archeologia

 

Paola Ventura (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia)

Il Mitreo di Duino e altre attestazioni archeologiche del mitraismo in Friuli Venezia Giulia

 

Bruno Callegher (Università degli Studi di Trieste)

I rinvenimenti monetali del Mitreo di Duino: alcune considerazioni al di là del mainstream

 

Simonetta Bonomi (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia)

Il Mitreo di Camporosso in Val Canale: una rivisitazione

 

Discussione e conclusioni

 

 

 

La Grotta del Mitreo

 

L’area archeologica della Grotta del Mitreo a Duino Aurisina è stata frequentata a partire dal Neolitico e adattata in età romana (dal II al V secolo d.C.) a luogo di culto del Mitraismo.

GROTTA DEL MITREO   1255RE / 4204 VG

Nel 1965 alcuni speleologi della Commissione Grotte della Alpina delle Giulie, scoprivano alle falde meridionali del Monte Ermada una cavità che era quasi completamente obliterata da materiali di crollo. Nei primi lavori di disostruzione apparvero frammenti architettonici, tra cui parte di una stele iscritta, dalla quale si desunse che la cavità era stata usata come tempio ipogeo dedicata al Dio Mitra. I lavori di scavo successivamente intrapresi dalla Soprintendenza Archeologica di Trieste misero in luce una cavernetta, la quale era stata adattata in epoca romana, mediante l’asporto del materiale del cono detritico dell’ingresso per uno spessore di circa tre metri che era stato sparpagliato per livellare il pavimento, sicché insieme ai materiali romani vi erano pure manufatti preistorici.

Dopo aver messo in luce alcune strutture proprie del Mitreo, un ricco complesso di monete che andava dal II al IV secolo, lucerne e vasetti di ceramica nord-italica, frammenti di anfore, di tegole e tavelle, fu investigato il sottostante deposito archeologico, dello spessore di circa due metri. In esso erano presenti livelli contenenti materiali che andavano dall’età del ferro, con resti della cultura dei castellieri, a manufatti tipo Lubiana e Vucedol e ceramica a Besenstrich, il neolitico era contraddistinto dai vasi a fondo cavo, decorati con incisioni; si è trovato pure qualche frammento di ceramica impressa e due frammenti di vasi a bocca quadrata. Lo scavo condotto nel deposito wurmiana per oltre due metri di profondità, cioè fino ad un antico pavimento stalagmitizzato, non ha dato alcun risultato

Sarà possibile visitare il sito ogni sabato mattina feriale, con orario 10.00-12.00.

In un’ottica di gradualità e sostenibilità, grazie al Gruppo Speleologico Flondar che collabora nella valorizzazione del sito, nella grotta carsica sarà consentito l’accesso ai visitatori secondo modalità, intese ad evitare gli assembramenti.

L’accesso avviene su prenotazione obbligatoria ai recapiti del Gruppo, email: flondar@libero.it; tel. +39 3396908950; è obbligatorio indossare la mascherina.

Sono previste inoltre visite su richiesta – per singoli visitatori, gruppi e scolaresche – da richiedere almeno con 7 giorni di anticipo ai recapiti del Gruppo.





















lunedì 21 marzo 2022

invito all'evento

 



V𝑒𝑛𝑒𝑟𝑑𝘪 25 𝑚𝑎𝑟𝑧𝑜 2022 - ℎ. 10:00

𝗥𝗜𝗧𝗥𝗢𝗩𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜 𝗠𝗢𝗡𝗘𝗧𝗔𝗟𝗜 𝗘 𝗠𝗜𝗧𝗥𝗔𝗜𝗦𝗠𝗢 𝗡𝗘𝗟 𝗠𝗢𝗡𝗗𝗢 𝗥𝗢𝗠𝗔𝗡𝗢
𝘋𝘪𝘱𝘢𝘳𝘵𝘪𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘚𝘵𝘶𝘥𝘪 𝘜𝘮𝘢𝘯𝘪𝘴𝘵𝘪𝘤𝘪 | 𝘜𝘯𝘪𝘷𝘦𝘳𝘴𝘪𝘵𝘢̀ 𝘥𝘦𝘨𝘭𝘪 𝘚𝘵𝘶𝘥𝘪 𝘥𝘪 𝘛𝘳𝘪𝘦𝘴𝘵𝘦
Via del Lazzaretto Vecchio 8 – Aula 6, Trieste
Il DISU - Dipartimento Studi Umanistici Units dell’Università degli Studi di Trieste, in collaborazione con il LIONS CLUB DUINO AURISINA e Duino&book, organizza un 𝗖𝗼𝗻𝘃𝗲𝗴𝗻𝗼 sul tema “Ritrovamenti monetali e #Mitraismo nel mondo romano.”
Fra i relatori, il Soprintendente ABAP FVG, dott.ssa Simonetta Bonomi, terrà nel pomeriggio l’intervento “𝓘𝓵 𝓜𝓲𝓽𝓻𝓮𝓸 𝓲𝓷 𝓒𝓪𝓶𝓹𝓸𝓻𝓸𝓼𝓼𝓸 𝓲𝓷 𝓥𝓪𝓵 𝓒𝓪𝓷𝓪𝓵𝓮: 𝓾𝓷𝓪 𝓻𝓲𝓿𝓲𝓼𝓲𝓽𝓪𝔃𝓲𝓸𝓷𝓮”.
La dott.ssa Paola Ventura, funzionario archeologo SABAP FVG, presenterà invece il 𝓜𝓲𝓽𝓻𝓮𝓸 𝓭𝓲 𝓓𝓾𝓲𝓷𝓸 𝓐𝓾𝓻𝓲𝓼𝓲𝓷𝓪 (TS), attraverso confronti con le altre attestazioni archeologiche in Friuli Venezia Giulia

giovedì 3 marzo 2022

AL VIA IL NUOVO PODCAST DI DUINO BOOK



LA PUNTATA 0 DEL PODCAST DI DUINOBOOK


IL GRUPPO ERMADA FLAVIO VIDONIS


GLI EVENTI A BOLOGNA


Il web. L'unica via per poter avere un po' di spazio operativo per musica e arte in genere ( ma non solo) sembra essere internet.
Ormai siamo esseri virtuali, l'unico spazio disponibile in attesa di aperture che ... f o r s e ... ci concederanno di verificare la nostra presenza in vita su un palcoscenico.
Ma la presenza del web ormai è e sarà lo strumento per la vita di tutti. Tanto vale approfittarne per sviluppare idee e stimoli nuovi.
Il podcast è senza dubbio un servizio che ti offre la libertà di esprimerti e di avere collaborazioni.
Esce OGGI 3 Marzo la rubrica podcast "Duino&book" a cura del Gruppo Ermada Flavio Vidonis che si occupa di eventi storico-culturali della nostra regione. La produzione di ogni podcast esige la diffusione di contenuti originali in tutto , compresi musica , effettistica , rumoristica e speakeraggi quantomeno professionali per le parti audio.
Stimolante come attività e che auspico essere in crescita.
Ho in programma di sfornare altre collaborazioni con artisti vari specie nel teatro in cui sono autore di tantissime musiche ma non solo. Anche se l' età inesorabilmente avanza ho ancora voglia di essere presente su tutti i tipi di scena. Con sax o con penna di compositore, giullare, direttore d'orchestra, finto-attore e quant'altro.
Per chi mi segue....stay tuned!
EDY MEOLA

martedì 1 marzo 2022

OMAGGIO A PASOLINI NEL CENTENARIO DELLA NASCITA - AL VIA IL PROGETTO IL MONDO DI PASOLINI

  COMUNICATO STAMPA AL VIA IL PROGETTO "IL MONDO DI PASOLINI, TRA IL MARE E LE CITTA'" OMAGGIO A PIER PAOLO PASOLINI IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA NASCITA

 

Il mondo di Pasolini, tra il Mare e le Città, rappresenta un fantastico viaggio culturale tra i luoghi simbolo di Pier Paolo Pasolini. Un percorso che passando per il suo Friuli, parte da Bologna a marzo e si conclude ad Ostia a Novembre, attraverso tutta l'Italia anche quella sconosciuta. Un viaggio alla scoperta delle Città di Mare e delle sue Città, dove ha creato, vissuto e realizzato opere uniche amate e discusse, attraverso importanti partner Regionali e Nazionali, verrà ripercorsa la 
Due sono le iniziative che il Gruppo Ermada Flavio Vidonis ha ideato per dare l'avvio alle celebrazioni del centenario della nascita di Pasolini, e lo ha voluto fare proprio a Bologna Città natia, insieme ai partner che seguiranno il progetto nei prossimi mesi.
Alle Ore 1030 al Museo Archeologico di Bologna la presentazione  nazionale del progetto "Il mondo di Pasolini, tra il mare e le città" coordinato dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis alla presenza dei rappresentanti del Progetto. Il COMUNE DI GORIZIA (GO - FVG), il COMUNE DI GRADO (GO - FVG) , il COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA (UD - FVG), il COMUNE DI CORNO DI ROSAZZO (UD - FVG) l'ASSOCIAZIONE PER I PARCHI LETTERARI ( ROMA LAZIO) attraverso l'ente gestore del Parco Letterario Pier Paolo Pasolini/Centro Habitat Mediterraneo LIPU di Ostia la FONDAZIONE PER LA CRITICA SOCIALE (FIRENZE TOSCANA), il COMUNE DI SABAUDIA (LT - LAZIO), il COMUNE DI TERRACINA (LT - LAZIO), l'Associazione di Promozione Sociale Giano Public History (ROMA LAZIO) , GLICINE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE (LAMEZIA TERME CALABRIA) https://fb.me/e/1HqgA4RW9
Alle ore 18.30 presso il Circolo CostaArena (Via Azzo Gardino 48 Bologna) "L'Eredità impossibile Conversazione su Pier Paolo Pasolini nel centenario della sua nascita" con il Prof. Antonio Tricomi della Fondazione per la Critica Sociale.  Incontro a cura di Luca Mozzachiodi. Presenta il poeta Christian Sinicco promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina in collaborazione con la Fondazione per la Critica Sociale e il Circolo CostArena. Il Progetto si concluderà a novembre ad Ostia con una toccante celebrazione, lì dove Pasolini ci lasciò. https://fb.me/e/1x9V6WjUl

Gli obiettivi del Progetto "Il Mondo di Pasolini, tra il Mare e le Città"
 ha tre importanti obiettivi: indagare la personalità di Pasolini, dalla vita all'opera, scoprire la straordinaria sensibilità e arguzia nutrita dalla disumana realtà delle decadi della Guerra Mondiale. Prima e dopo, che hanno plasmato la figura eclettica e controversa che conosciamo, che ha saputo esprimersi in ogni campo ove la parola è necessaria, dal giornalismo al cinema, dalla poesia al romanzo. L'anima del Poeta si è nutrita anche della straordinarietà della vita di tutti i giorni, alla quale spesso fa da scenografia un Nord Est e un Friuli dal sapore antico nei modi, nei luoghi e nella lingua amata da Paolini. Da Casarsa a Grado, da Sacile a Gorizia fino a Idria, sono molti gli itinerari da scoprire e promuovere oggi,celebrando questa figura. Il Padre Carlo Alberto, girovago per necessità, ha certamente lasciato in eredità al figlio Pier Paolo l'urgenza di passare oltre,  non fermarsi, moto perpetuo dell'anima che ha solcato l'Italia degli anni più cupi del Regno e dei primi splendidi soli della Repubblica, arenandosi tragicamente a Ostia. Da Bologna ad Ostia, passando per Bari e la Calabria, da Roma a Terracina e Sabaudia, e tante altre città, sempre in viaggio nei luoghi vissuti da Pasolini, oltre il Friuli, ma per poi farvi ritorno. 

Con il progetto si vuole indagare e descrivere la personalità di una figura come quella di Pasolini, nella complessità della storia in cui ha temporaneamente vissuto, una sfida notevole nel quadro della vastità dell'opera e della profondità dell'uomo, un'anima perpetuamente in movimento che ha lasciato un'eredità enorme. Tuttavia il progetto è stato modellato per raccogliere una pluralità di punti di vista esattamente come l'eclettico Pasolini, Poeta, Cineasta, sceneggiatore, giornalista, romanziere e regista rispondeva con il suo ingegno alla realtà che osservava. Esploreremo perciò i luoghi dove è cresciuto, nel nostro Friuli, e dove si è affermato artisticamente e professionalmente in Italia.   

Tra le iniziative del Progetto fondamentale sarà la Piece Teatrale che vedrà otto repliche in città Italiane dal titolo   «INSOLITO PETROLIO, TRA MARE E CITTÀ». Il petrolio copre e nasconde ciò che tocca , il petrolio è vischioso, imbratta, impregna, il petrolion muove e si muove. il Petrolio inquina i mari, le città e talvolta l'animo umano. Ispirato a petrolio il testamento spirituale di Pier Paolo Pasolini, traccia i momenti più oscuri del novecento italiano immaginando le sue conseguenze nella storia. Pasolini considerava petrolio come "una specie di summa di tutte le mie esperienze, di tutte le mie memorie", così scriveva nella lettera a Moravia, risalente al 1975, un'opera che lo avrebbe tenuto occupato per anni o a cui avrebbe dedicato tutta la vita. Ideazione di Gualtiero Giorgini.  La mostra e il docufilm "Il mondo di Pasolini". Sia il Docufilm che la mostra sono autoprodotti con strumentazioni all'avanguardia, proposte in tutte le città partner mostrerà i luoghi prescelti dalla regia per testimoniare i luoghi cari a Pasolini.

luoghi di oggi inframezzati con immagini storiche, testi e poesie, racconti letti direttamente da figure e personaggi dei luoghi, per mantenere vivo anche il rapporto con il territorio e le lingue dei territori stessi.  Il programma si completa con Puntate On Line dedicate alle Città di Pasolini in Friuli Venezia Giulia, e ulteriori quindici conferenze tematiche a cura di relatori qualificati, ricercatori ed esponenti dei maggiori atenei nazionali, esperti ed autori. 
Il progetto è stato presentato alla Regione Autonoma Fvg, Regione che sostiene le iniziative progettuali relative ad attività culturali da attuare in occasione della ricorrenza del 100° anniversario della nascita di Pier Paolo Pasolini.

Il progetto vede il partenariato di Comune di Gorizia, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Grado, Comune di Palazzolo dello Stella, Comune di Terracina, Comune di Sabaudia, Fondazione per la Critica Sociale Firenze, Giano Pubblic History Aps Roma, Associazione Glicine Pianopoli Lamezia Terme, Associazione Parchi Letterari Italiani Ostia Centro Habitat del Mediterraneo Parco Pasolini Lipu e vede la collaborazione del Lions Club Duino Aurisina, Fidapa Terracina, Gruppo Ermada Sezione di Borgo Hermada, Università della Terza Età, Ajser 2000, Fogolar Furlans, Associazione Poiein, Hilton Double Tree, Le Vie delle Foto. 

Una collaborazione significativa del Progetto è riferita all'iniziativa dei ragazzi dell'Associazione Retake Bari per la realizzazione di un murale nelle vicinanze della stazione dove lui probabilmente pernottò.  Pasolini visitò Bari nel 1951 e regalò alla nostra città parole, impressioni, suggestioni che ancora riempiono anima e cuore.  Il murale verrà realizzato utilizzando vernici in grado di assorbire CO2 ed inquinanti, trattandosi di un punto della città molto trafficato (via Duca degli Abruzzi in prossimità del ponte di Sant’Antonio). 

Le parole di Pier Paolo Pasolini su Bari: “Che freschezza, la mattina a Bari! Alzato il sipario del buio, la città compare in tutta la sua felicità adriatica. Senti il mare in fondo agli incroci perpendicolari delle strade di questa Torino adolescente: un mare generoso, un dono, non sai se di bellezza o di ricchezza.

Davanti al lungomare (splendido), sotto l’orizzonte purissimo, una folla di piccole barche piene di ragazzi si lascia dondolare nel tepore della maretta”. Il progetto è stato ideato da 
 MASSIMO ROMITA con la consulenza Scientifica di CHRISTIAN SINICCO,  stesura del Progetto FRANCESCO PEQUENO, realizzazione del logo Pier Paolo Pasolini LINDA SIMEONE.   
Info duinobook@gmail.com info 3452911405




 






 DUINO&BOOK Festival del Libro di Duino Aurisina: OMAGGIO A PIER PAOLO PASOLINI IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA NASCITA (duinobookfestivaldelibro.bl